Visitare Gouda, il paese del formaggio Gouda in Olanda

Visitando l’Olanda in genere si fanno sempre gli stessi circuiti turistici; l’Olanda è un Paese bellissimo, chi lo visita se ne innamora e desidera tornarci: l’atmosfera, l’accoglienza dei suoi abitanti, la cortesia, i posti unici, tutto ti affascina ma in po’ fuori dal circuito turistico classico c’è anche Gouda.

Dove si trova Gouda

L’Olanda è un Paese con un forte peso anche politico all’interno dell’UE sebbene le sue dimensioni non siano certo paragonabili alla Germania o alla Francia. Proprio per le sue dimensioni non mastodontiche si può girare l’Olanda in lungo e in largo facilmente.

In Olanda si trovano luoghi fantastici, sia nella natura, ad esempio nell’isola di Texel, sia nelle grandi città, Amsterdam, Rotterdam, l’Aia e altre. Gouda è una città della Regione Zuid Holland, ovvero il Sud Olanda.

Se non conosci Gouda come città olandese, di certo ne conosci il prodotto tipico famoso ovunque: il gustoso formaggio che porta lo stesso nome. Siamo abituati a vedere questo formaggio nel suo tipico rivestimento di cera rossa ma in realtà in Olanda non è così.

Il formaggio Gouda

Il formaggio Gouda è il principe della città ma qui si presenta in una buccia gialla, in forme rotonde che diventano protagoniste di gare originali.

In un evento tradizionale, le forme vengono fatte rotolare nelle strade della città e vince chi riesce a farla rotolare per la maggiore distanza. In Olanda questa è una tradizione molto amata dagli abitanti di Gouda.

Il Kaasmarkt

Dai primi di Aprile alla fine di Agosto, ogni giovedì mattina la grande piazza dominata dall’antico municipio, si anima: i produttori locali arrivano al mattino presto in questa piazza con i loro prodotti dove dopo la pesatura, il controllo della qualità e l’assegnazione del prezzo sulla base di questi parametri, il formaggio viene venduto al pubblico.

Questo rito si perpetua inalterato fin dal XVII secolo, in rito certamente folkloristico e tradizionale che oggi è diventato un evento più prettamente turistico commerciale.

Il vecchio Municipio

La stessa piazza, non coperta dai formaggi, è una perla da ammirare con il vecchio municipio che troneggia, più simile al castello di una favola che ad un palazzo amministrativo, con una particolarità assoluta.

Se guardi il vecchio municipio, lo Stadhuis che risale al 1450, da una facciata vedi uno stile gotico ma la facciata opposta è totalmente diversa, un unico monumento che vale per due. Risaltano le imposte rosse sulla facciata bianca, un vero spettacolo.

La struttura di Gouda

Gouda è percorsa da una fitta rete di piccoli canali che infine confluiscono nel canale principale che forma un percorso a ferro di cavallo prima di gettarsi nel fiume della città, l’Hollandse Ijssel. La città è piena di casette basse con il classico profilo fiammingo.

Girando per la città risaltano i piccoli vicoli del centro storico mentre vasi di fiori spuntano ovunque, una caratteristica specifica dell’Olanda, non solo di Gouda.

Il mulino visitabile

Alla periferia della città si trova un mulino a vento tuttora in funzione per la produzione di farine. La caratteristica è di essere decisamente alto e di essere dotato di una terrazza che lo circonda completamente a mezza altezza e che è visitabile, un buon punto panoramico da cui ammirare la città.

Sembrerà strano che parliamo così di un semplice mulino ma la maggior parte degli altri mulini olandesi sono ammirabili soltanto da vicino, raramente sono visitabili.

La Bilancia delle Streghe

Ai tempi della Santa Inquisizione funziona in città una particolare bilancia che serviva agli inquirenti per decretare lo stato di strega oppure no dell’accusata.

In verità il peso era solo uno dei parametri, altre prove erano decisive: la persona veniva immersa totalmente nell’acqua per un certo tempo; se emergeva viva era una strega e quindi condannata a morte, se invece periva voleva dire che era innocente ma tanto era comunque morta.

Oggi questo locale è un museo della stregoneria, ricco di oggetti particolari e strumenti di tortura per far confessare le accusate. C’è ancora la bilancia su cui i turisti possono farsi pesare e rilasciare una pergamena che attesta che la persona sottoposta alla prova non è una strega.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *