Passare a Iliad da Tim: le tre alternative disponibili

By | 10 Dicembre 2020
da iliad a tim

Il campo delle telecomunicazioni si sta ampliando sempre di più con il passare del tempo. Due anni fa, è arrivato sul mercato un nuovo operatore transalpino, ovvero Iliad, che ha rivoluzionato completamente questo settore. Il grande pregio di questo operatore? Quello di mettere a disposizione una serie di offerte piuttosto interessanti, in cui gli utenti hanno la possibilità di godere di minuti e sms illimitati, senza dimenticare ovviamente anche un certo quantitativo di giga per il proprio smartphone.

Nel caso in cui siate rimasti particolarmente colpiti da una delle tante offerte che sono state proposte sul mercato da parte dell’operatore francese, ecco che proviamo a capire come passare a Iliad da Tim con tariffe.it in modo semplice e decisamente rapido.

Il procedimento da seguire

Rispetto a quello che si potrebbe pensare, il passaggio da Tim a Iliad è decisamente meno ricco di complicazioni e ostacoli di quello che si potrebbe pensare. Bisogna mettere subito in evidenza come questa operazione non comporta il cambio di numero di telefono, visto che si può tranquillamente decidere di conservare il proprio numero.

Ci sono tre opzioni per il passaggio da Tim a Iliad. La prima opzione è quella che prevede di seguire passo dopo passo l’intera procedura sul portale web ufficiale dell’operatore, mentre la seconda comporta di recarsi fisicamente in un centro Iliad e farsi assistere da un operatore che penserà a portare a termine tutti i passaggi. Infine, la terza opzione è rappresentata dal passaggio mediante Simbox.

La procedura online

Senza ombra di dubbio, si tratta della modalità che più fa della semplicità e dell’immediatezza le sue caratteristiche peculiari. In questo modo, il passaggio tra i due operatori è notevolmente rapido e si svolge completamente sul sito web dell’operatore francese. Il primo passo prevede di eseguire l’accesso alla sezione specifica sul portale, legata alla registrazione.

Nella pagina di registrazione, l’utente dovrà provvedere all’inserimento di tutti i suoi dati, come viene specificato tra l’altro nello stesso form. Dovrà ricordarsi anche di spuntare “Sì” dove è presente la voce che indica la possibilità di conservare il proprio numero di cellulare attuale.

A questo punto, non si dovrà far altro che inserire il proprio attuale numero di linea, indicando l’operatore (TIM quindi) e la tipologia di contratto che è stato sottoscritto con quest’ultimo, ovvero se abbonamento oppure ricaricabile. Non solo, dato che deve essere immesso anche il numero ICCID della propria Sim: si tratta di un numero formato da 19 cifre e che inizia con “8939”. L’ultimo passo prevede di spuntare l’apposita voce “Richiedo il trasferimento del credito residuo”. Completata la procedura di registrazione, ecco che l’utente potrà eseguire l’accesso alla propria area riservata presente sul sito, in maniera tale da completare il processo di migrazione e attivare la nuova Sim Iliad direttamente online.

Come fare? L’accesso deve avvenire alla sezione specifica denominata “Attivazione della Sim”. Bisogna controllare quattro voci, ovvero la convalida dell’ordine, la preparazione della Sim, la spedizione e l’attivazione. Dopo aver ricevuto al proprio domicilio la Sim, ecco che per l’attivazione sarà sufficiente immetterla nel proprio smartphone e accedere all’area riservata Iliad, dove si potrà notare la voce “Attivazione” colorata di verde, che segnalata l’esito positivo della procedura.

Le altre due alternative

Altrimenti, come detto, è possibile passare a Iliad anche in negozio oppure tramite la Simbox. Nel primo caso, è necessario recarsi presso un negozio fisico Iliad, in cui si potrà ricevere l’assistenza di un operatore, che si occuperà di mettere in pratica tutti questi passaggi e andrà ad attivare l’offerta stabilita dal cliente. Interessante anche l’opzione Simbox, che corrisponde a dei totem elettronici che si possono trovare spesso nelle stazioni oppure nei centri commerciali, tramite i quali c’è la possibilità di comprare la Sim e poi fare richiesta della portabilità del proprio numero senza la necessità di ricevere assistenza da parte di un operatore.