Il localizzatore GPS, come funziona

By | 26 Giugno 2020
GPS

Il localizzatore GPS consiste in uno strumento tecnologico che garantisce di conoscere la posizione di un oggetto o di una persona sul quale è localizzato.

In sostanza, questo dispositivo elettronico, sfrutta il c.d. GPS – Global Positioning System – che consiste nel sistema globale di posizione. In questo modo, permette di conoscere la posizione di una persona, animale, macchina, insomma di un oggetto o persona in ogni parte del pianeta. I dati sulla posizione, poi, vengono inviati alla persona che è stata individuata.

Per cercare di capire come funziona il localizzatore GPS, dobbiamo prima capire il sistema GPS, che cosa è, come si usa e perché.

Il GPS è un sistema di posizionamento terrestre di elevata tecnologia, una soluzione inventata dalla difesa statunitense e che oggi viene usata per tanti scopi diversi.

La storia del localizzatore GPS è abbastanza interessante. Questa tecnologia nasce negli anni Sessanta, sulla base del sistema OMEGA, che era un sistema di navigazione.

Una tecnologia che venne sviluppata negli anni Settanta, quindi non troppo tempo fa, dal Ministero della Difesa statunitense che la usava per fini tattici e militari.

Solo negli anni Ottanta la tecnologia GPS venne resa nota al grande pubblico e cominciò a farsene un uso civile e non solo per lo spionaggio o per finalità militari.

Quindi pur essendo nata per fine tattico e militare, la tecnologia GPS oggi è a disposizione di chiunque ed è molto diffusa nelle nostre vite e nel quotidiano. Solo per fare un esempio, possiamo inviare la nostra posizione GPS dal cellulare abilitato ad un’altra persona usando le più comuni app di messaggistica veloce.

Il sistema GPS consente di localizzare ogni persona dotata di un ricevitore satellitare, grazie alla presenza di ben 24 satelliti che sono in orbita (tre, invece, sono di riserva) che circolano attorno al pianeta, situati su sei piani orbitali.

Come funziona un localizzatore GPS

Come funziona un localizzatore GPS? Una soluzione di questo tipo si basa su due moduli che devono esistere per consentire il rilevamento.

Innanzitutto, un ricevitore satellitare professionale che usa la rete GPS. Ad esempio, esso può essere sull’auto. Sfruttando i satelliti, e calcolando la distanza esso riesce a rilevare la posizione. Il messaggio della corretta posizione del soggetto viene poi inviata all’interlocutore attraverso, ad esempio, un sms, un Whattsapp, e via dicendo. Per poter effettuare questo invio è necessario che ci sia la connessione internet che consente anche di visualizzare, sulle mappe di Google, dove si trova la persona in quel momento.

La localizzazione per mezzo di localizzatore GPS avviene in ogni istante, in ogni angolo della terra, ed in modo del tutto indipendente dalle condizioni meteo.

Un localizzatore GPS: ma a che serve?

La domanda che sorge spontanea è: a che cosa serve, di preciso, un localizzatore GPS?

Lo scopo primo del localizzatore GPS è quello di consentire di conoscere in modo abbastanza preciso la posizione di una persona, oggetto, animale. Può essere quindi utilizzato per diversi scopi, ad esempio quelli di sicurezza, argomento ampiamente trattato sul conosciuto blog di Daniele Novelli Casarelli.

Si pensi per esempio al controllo di una persona agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico, oppure al tracciamento di una spedizione, o ancora del percorso che una persona sta facendo.

Può essere usato, con successo, nello spionaggio. In effetti il localizzatore GPS consente di conoscere la posizione di una persona, dove si sposta e con che percorso in tempo reale. Per questo viene usato spesso dagli investigatori privati (ma sempre nel limite della legge: spiare una persona a sua insaputa è una lesione della privacy). Viene usato per spionaggio politico, militare, civile, economico ed industriale.

Permette anche di avere una maggiore sicurezza sui propri beni. Ad esempio se si installa un localizzatore GPS sull’auto, sulla moto o sulla barca, in caso di furto è più facile localizzarla velocemente; in caso di incidente, è più facile essere rintracciati e soccorsi velocemente. Scopo del localizzatore GPS è quindi seguire un bene o una persona in ogni luogo della terra, fra l’altro senza che le condizioni ambientali o meteorologiche possano in qualche modo disturbare o interrompere il segnale.

Oggi, il localizzatore GPS è incorporato in tanti oggetti di uso comune, come tablet, dispositivi da indossare, smartphone, navigatori auto, antifurto, scatola nera per auto per l’assicurazione e via dicendo.