Il tuo gatto odora di urina? Come rimuovere l’odore di urina

By | 10 Dicembre 2019
urina

L’urina di gatto ha un odore incredibilmente potente. La maggior parte dei proprietari di animali domestici ha vissuto almeno una volta l’esperienza olfattiva dell’odore di urina del gatto mentre puliva la lettiera, o anche mentre si occupava di un cucciolo appena arrivato.

Per quanto riguarda gli animali domestici, i gatti sono creature abbastanza pulite ei loro proprietari possono sentirsi sicuri sapendo che il loro gatto si pulisce regolarmente e si occupa autonomamente di qualsiasi polvere o sporcizia che potrebbe depositarsi sul loro manto. Oltre a mantenersi puliti, i gatti tengono istintivamente pulita anche la lettiera. Lo fanno coprendo le loro urine e le feci con la stessa lettiera. Pertanto, quando l’odore proviene dal gatto stesso, questo può e deve essere motivo di preoccupazione. Le motivazioni e le diverse soluzioni di un cattivo odore di urina variano quindi da gatto a gatto.

Che cosa indica l’odore di urina?

Se un gatto odora di urina, prendi in considerazione l’età del gatto, la lunghezza del manto e la sua salute generale, al momento di decidere come procedere. Anche sapere se il gatto trascorre la maggior parte del tempo al chiuso o all’aperto può offrirci informazioni utili poiché le abitudini di pulizia del gatto ne determinano l’odore. Questo spesso significa che se stai riscontrando l’odore di urina, è probabile che il gatto non si stia più pulendo o almeno non abbastanza bene da nascondere l’odore.

L’autorevole blog di Petyoo propone un approfondimento medico sul perché un gatto odori di urina.

Gatti anziani

Quando un gatto inizia a invecchiare, può avere molti problemi a pulirsi. Molti proprietari di animali domestici sanno che più il loro gatto diventa vecchio, più è probabile che abbia il manto sporco e unto e quindi non trattato. L’odore che proviene da un gatto anziano può essere nient’altro che il risultato della vecchiaia. Per aiutare il gatto anziano a rimanere fresco e ben curato, puliscilo delicatamente con un panno umido. Se il gatto tollera un bagno, allora i proprietari possono persino fare loro bagni caldi utilizzando uno shampoo adatto ai gatti per alleviare l’odore e la sporcizia. I gatti anziani che odorano di urina, possono avere difficoltà a muoversi come quando erano più giovani. Potrebbe essere giunto il momento di parlare con il veterinario per sapere se l’artrite influenza il tuo gatto, in quanto i sintomi possono essere asintomatici anche quando c’è un danno significativo e probabilmente il gatto avverte dolore alle articolazioni. I gatti più anziani sono anche sensibili ai cambiamenti cognitivi; se noti una toelettatura ridotta accompagnata da miagolii inappropriati, un senso di dimenticanza, un orario modificato o altri comportamenti strani, questi potrebbero essere tutti segnali di un processo di cambiamento in corso nel cervello stesso del tuo gatto.

Il pelo lungo

I gatti con un pelo più corto riescono con molta più facilità a pulirsi rispetto ai gatti con il pelo più lungo. Per i proprietari degli animali domestici che hanno un gatto con pelliccia sontuosa e lunga, l’odore potrebbe provenire dall’incapacità di mantenere pulita la zona intorno al didietro. I gatti con un manto lungo tendono a ottenere più facilmente del pelo infeltrito (pelliccia aggrovigliata o incollata insieme in una massa spessa), specialmente attorno alle parti posteriori delle loro gambe e ai loro fondoschiena.

Le masse di pelo infeltrite che si formano qui sono adatte per far attecchire l’urina di gatto. Un ottimo modo per evitare che ciò accada è di mantenere le masse di pelo infeltrito tagliandole in modo che non diventino più grandi. E’ necessario mantenere la parte posteriore delle gambe del gatto e i bordi curati e tagliati in modo da evitare lo sviluppo del pelo infeltrito dal principio. I proprietari dovrebbero assicurarsi di mantenere un gatto a pelo lungo ben curato come misura preventiva contro la formazione del pelo infeltrito e di masse.

Obesità

Mentre un gatto grasso può essere particolarmente carino su internet, i proprietari degli animali domestici dovrebbero assicurarsi che i loro gatti ricevano la giusta quantità di cibo per la loro taglia e razza. Un forte odore di urina proveniente da un gatto sovrappeso o obeso potrebbe essere il risultato del fatto che il gatto non è in grado di pulirsi correttamente. I gatti sono abbastanza flessibili, ma un gatto che ha un po’ di grasso corporeo in più potrebbe non essere in grado di raggiungere i posti che ha bisogno di pulire di più.

Anche i gatti obesi sono più sensibili alle infezioni del tratto urinario, in particolare le femmine, nonostante tali infezioni siano piuttosto rare nei gatti (rispetto ai cani e alle persone) a causa della loro urina concentrata, il veterinario potrebbe consigliare di fare dei controlli per essere sicuri. L’obesità può anche predisporre a condizioni mediche come il diabete che può a sua volta determinare delle infezioni alla vescica. I veterinari possono aiutare i proprietari a determinare qual è il peso giusto per ogni gatto.

La nutrizione di un gatto è la chiave per bilanciare una dieta sana e il peso del gatto. Non esiste una risposta universale giusta quando si tratta di capire il peso giusto per un gatto. I pesi sani variano da taglia e razza. Attraverso l’uso di giuste ricette e cibo per gatti più adatto i proprietari possono stare tranquilli ed essere sicuri dell’alimentazione e quindi la salute del loro gatto.

Problemi medici

I gatti che hanno un odore di urina persistente possono avere problemi medici. I gatti tendono a essere creature piuttosto stoiche, e i proprietari di animali domestici potrebbero non sapere sempre quando qualcosa non va. L’odore che proviene da un gatto potrebbe significare che ha qualcosa che non va, come l’artrite o l’infiammazione della vescica.

L’artrite nei gatti non è dissimile a quella degli esseri umani. Le articolazioni di un gatto anziano possono infiammarsi, rendendogli  difficile la mobilità, o persino usare correttamente la lettiera. Segni di artrite nei gatti comprendono difficoltà nei normali livelli di mobilità, zoppia e irritabilità da dolore invisibile. I proprietari possono trarre conforto nel sapere che ci sono modi per i veterinari locali di diminuire il livello di dolore.

Per i gatti, la malattia del tratto urinario più basso (FLUTD) è una delle ragioni principali per cui tendono a non usare la lettiera o ad emanare un forte odore di urina. La maggior parte delle persone si precipita dal veterinario ritenendo che la causa sia un’infezione urinaria, ma sono patologie piuttosto rare poiché i gatti presentano urina concentrata, a meno che non abbiano altri problemi di base. Più comunemente, i gatti evacuano in luoghi sfavorevoli o si sforzano di urinare a causa dell’infiammazione presente nella vescica anche quando non è presente un’infezione.

Questo è noto come cistite idiopatica. Si pensa che le connessioni tra i segnali dal cervello alla vescica siano responsabili di tale patologia. I gatti stressati sono spesso quelli che vivono tale condizione, e gli eventi stressanti spesso precedono qualche episodio. Eventi come l’inclusione di una nuova persona in casa, un nuovo gatto (il tuo gatto potrebbe non essere così affezionato a quel nuovo gattino e ti sta informando), problemi medici e simili.

L’urinazione può essere dolorosa per un gatto che presenta un’infiammazione urinaria, che può rivelarsi attraverso i cambiamenti nel comportamento e nell’uso della lettiera. I proprietari dell’animale domestico dovranno tenere d’occhio il gatto che va più volte a utilizzare la lettiera nel tentativo di urinare. Se non è in grado di usare la lettiera, il gatto potrà benissimo cogliere l’opportunità e urinare ovunque si trovi.

I proprietari dovrebbero anche tenere d’occhio la presenza di sangue nelle urine, nel caso, un veterinario di fiducia sarà in grado di diagnosticare e suggerire le scelte di trattamento che meglio si adattano sia al gatto sia al proprietario.

“L’odore dell’urina” riguarda il comportamento del gatto?

Che cosa significa quando l’odore permane ancora sul mantello del gatto? Soprattutto per un gatto giovane, ben curato e magro, che non presenta alcun segno di infezione del tratto urinario?

“Spruzzo” è il termine che indica il comportamento con cui un gatto “sparge” l’urina. La spruzzatura o anche marcatura è particolarmente comune nei gatti non sterilizzati. Con la sterilizzazione o castrazione, il gatto spesso smette di spargere la sua urina completamente. La fonte dell’odore persistente potrebbe derivare dalla non castrazione o sterilizzazione del gatto.

Marcatura del territorio maschile

I gatti maschi solitamente marchiano con degli “spruzzi”. Quando un gatto maschio “spruzza”, segna il suo territorio e fa sapere a tutti gli altri che sta rivendicando il suo territorio. I gatti maschi tendono a spruzzare intorno al proprio territorio dal momento in cui raggiungono la maturità sessuale. I proprietari di animali domestici possono accorgersi dell’aumento dell’irrorazione intorno ai luoghi preferiti del gatto in casa. Se la famiglia ha più di un gatto, è molto più probabile che avvenga la marcatura del territorio. Tuttavia, l’irrorazione può avvenire anche quando un gatto maschio si trasferisce in una nuova casa o prova uno stato di ansia.

Marcatura del territorio femminile

Diversamente dal maschio, anche le gatte posso spruzzare per marcare il territorio o il proprio dominio. In una famiglia che presenta più gatti, è molto più probabile che la gatta  marchi il territorio a causa del calore. Infatti, le gatte vanno in calore ogni 1 o 3 settimane, ed  il calore  può durare da 1 a 7 giorni. Quando una gatta femmina è in calore, è molto più probabile che spruzzi marcando il territorio nel tentativo di far sapere ai mammiferi vicini che è pronta per accoppiarsi. A causa di un ciclo di calore così breve e costante, le femmine non sterilizzate possono spargere sia l’odore sia urinare molto rapidamente.

Come controllare la marcatura del territorio

Il modo migliore per controllare le irrorazioni domestiche, sia territoriali che quelle indotte dal calore, è far sterilizzare un gatto. I proprietari degli animali domestici dovranno sterilizzare il loro gatto verso i sei mesi di età, appena prima che il comportamento delle marcature tenda a verificarsi nella maggior parte dei gatti. Molto probabilmente, un gatto sterilizzato in giovane età non inizierà mai a marcare il proprio territorio. Nel frattempo, un ambiente rilassato e privo di stress per la maggior parte dei gatti, contribuirà a ridurre l’irrorazione ansiosa e solitamente mantenere un solo gatto in casa ridurrà l’irrorazione territoriale. Pulire la zona marchiata con dell’aceto, aiuterà a fermare la marcatura.

Conclusioni

La causa e la soluzione dell’odore di urina in un gatto dipendono in larga misura da alcuni fattori che influenzano la vita dell’animale. Quando si tratta di cambiamenti nell’odore, nel comportamento e nell’uso del bagno, i proprietari del gatto dovrebbero sempre rimanere vigili.

Sia se il gatto abbia raggiunto la maturità o che abbia una vescica infiammata che causa delle difficoltà, è importante sapere cosa fare in ogni situazione. Ogni proprietario conosce bene il proprio gatto e può capire se ha bisogno o meno di vedere un veterinario o se ha solo bisogno di farsi sistemare e accorciare la pelliccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − undici =