Il battiscopa: come installarlo e quale scegliere

By | 2 Agosto 2019
battiscopa

Impossibile non notarlo, difficile capire le prime volte quale è la sua funzione e se è davvero utile, il battiscopa è un elemento tanto imprescindibile quanto misterioso delle nostre case.

Funzioni del battiscopa

In realtà il battiscopa è molto utile e lo è sotto diversi punti di vista; prima di tutto costituisce un punto di unione tra le pareti verticali di una stanza e il pavimento. Questa zona, senza il battiscopa, diventerebbe molto delicata e sarebbe molto irregolare oltre che complicata da pulire perché diventerebbe un qui si accumulerebbero polvere e sporcizia varia.

Il battiscopa funge anche da protezione per il muro perché fa in modo che i mobili non entrino mai in contatto diretto con le pareti. Questo strumento fa in modo che eventuali pedate e graffi non rovinino ulteriormente le pareti. Essendo così utile, il battiscopa si è guadagnato il diritto di finire nella lista degli elementi di arredo indispensabili e, di conseguenza, ne sono piano piano saltate fuori diverse versioni personalizzabili come è giusto che sia per un elemento su cui cade spesso l’occhio e che è così in vista.

Composizione dei battiscopa

Come detto in precedenza esistono diverse tipologie di battiscopa: si possono realizzare in marmo, in ceramica, in legno, plastica o metallo. I primi tre sono materiali pregiati che avranno un costo più elevato rispetto alla plastica o al metallo. Il contatto tra il muro e il battiscopa può risolversi con una forte sporgenza, oppure il battiscopa può essere molto sottile e quindi aderire filo muro diventando quasi una prosecuzione dello stesso.

Applicazione fai da te del battiscopa

Se state pensando di sostituire il vosto battiscopa in autonomia, senza richiedere l’intervento di una ditta di esperti, c’è una buona notizia per voi: non è una cosa così complicata, anzi. Potete scegliere il battiscopa che preferite in qualsiasi negozio di arredamento o di fai da te e poi provvedere da soli alla sua installazione. Vediamo come, in qualche passaggio comune ad ogni prodotto ma considerate che vanno sempre lette con attenzione le istruzioni riportate nelle confezioni in cui si acquistano i battiscopa.

Se quello che vi apprestate a fare è una sostituzione allora prima di tutto dovrete rimuovere il vecchio battiscopa con l’aiuto di un taglierino e una spatola per fare leva tra la parete e il battiscopa stesso. Con una lieve pressione il vecchio battiscopa verrà via facilmente. A questo punto potrete proseguire preparando il muro alla nuova applicazione: scartavetrate la superficie inferiore inferiore della parete fino a massimo 6 centimetri dal pavimento.

Applicate se lo desiderate una vernice colorata a poi dedicatevi al nuovo battiscopa da installare. Prima di tagliarlo nelle varie misure che vi necessitano, levigate anche il battiscopa con la carta vetrata dalla parte che andrà applicata verso il muro. Alcuni battsiscopa si applicano sul muro con il biadesivo, altri necessitano la creazione di una soluzione collosa, di solito con un prodotto che si trova all’interno della confezione diluito con l’acqua, altri ancora fanno fissati tramite l’utilizzo di chiodini. Per una maggiore precisione del lavoro potrete aiutarvi nell’applicazione con una riga da muratore o altri attrezzi che possano fungere da guida.

Una volta terminata anche la fase di applicazione, potrete decidere se verniciare il battiscopa oppure lasciarlo così. Come anticipato sopra, esistono molti tipi di battiscopa e si può facilmente trovare quello che più si sposa con il resto dell’arredamento, diversamente potrete verniciarlo in un secondo momento. L’ultimo ritocco da fare per poter affermare di aver completato l’opera nel migliore dei modi è quello di apporre una striscia di silicone tra il bordo superiore del battiscopa e la parete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − quattro =