Parvovirus canino, cosa c’è da sapere

By | 24 Ottobre 2021
parvovirus

Il parvovirus canino è una malattia virale altamente contagiosa dei cani che comunemente causa malattie gastrointestinali; acute soprattutto nei cuccioli. La malattia colpisce più spesso i cuccioli di età compresa tra le sei e le 20 settimane, ma a volte sono colpiti anche animali più anziani. Una variante rara della malattia che può essere osservata nei cuccioli molto giovani (neonatali) è la miocardite (un’infiammazione del muscolo cardiaco).

Causa del parvovirus nel cane

Quali sono le cause dell’infezione da parvovirus?

Il virus che causa la malattia nota come parvovirus canino, è emerso per la prima volta tra i cani in Europa intorno al 1976. Nel 1978 il virus si era diffuso in modo incontrollato, causando un’epidemia mondiale di miocardite e infiammazione nell’intestino (gastroenterite). Ora sappiamo che il virus non è limitato ai cani, ma è in grado di causare infezioni in cani selvatici come coyote e lupi e altri animali selvatici, tra cui volpi, procioni e puzzole. Il parvovirus canino è strettamente correlato al virus della panleucopenia felina, un virus noto fin dagli anni ’20 per infettare gatti, visoni e altri animali. Il parvovirus canino è probabilmente sorto come risultato di 2 o 3 mutazioni genetiche che gli hanno permesso di espandere la propria potenza e quindi di infettare più ospiti cani.

Tre decenni dopo la sua prima comparsa, il parvovirus colpisce i cuccioli con malattie mortali molto meno frequentemente a causa dello sviluppo di vaccini efficaci alla fine degli anni ’70, ma le epidemie si verificano ancora frequentemente e la vaccinazione del cane è della massima importanza. Cuccioli e cani adolescenti sono particolarmente sensibili al parvovirus e dovresti evitare di portare il tuo cucciolo in giro fino a quando le loro vaccinazioni non sono state completate.

Come potrebbe essere infettato il mio cane dal parvovirus?

Il parvovirus canino può essere trovato in quasi tutti gli ambienti, ma non tutti i cani che entrano in contatto con il virus vengono infettati. Diversi fattori entrano in gioco nell’infezione, incluso lo stato immunitario del cane e il numero di virus a cui il cane è esposto.

Cosa succede durante l’infezione?

Una volta che un cane o un cucciolo è stato infettato, c’è un periodo di incubazione da tre a sette giorni prima dell’insorgenza dei primi sintomi. All’interno del cane, il parvovirus ha bisogno dell’aiuto di cellule in rapida divisione, e il virus di solito inizia attaccando le tonsille o i linfonodi. Una volta all’interno dei linfonodi, il virus invade solitamente per primi i linfociti (un tipo di globuli bianchi) per uno o due giorni, creando così molte copie di se stesso. Il virus, moltiplicatosi, gira all’interno dei linfociti, dove sono al riparo dalle difese dell’ospite, ed entrano nel flusso sanguigno. Molti di questi linfociti infettati dal parvovirus  vengono infine uccisi, causando una riduzione del numero di linfociti circolanti. Questa condizione viene chiamata linfopenia.

Una volta nel flusso sanguigno, il virus prende di nuovo di mira le cellule di rapida divisione, colpendo più duramente nel midollo osseo e le cellule che rivestono le pareti dell’intestino tenue. Nei cani molto giovani, il parvovirus può anche infettare il cuore, portando a infiammazione del muscolo cardiaco, con conseguente scarsa funzionalità e aritmie.

Nel midollo osseo, il virus indebolisce la capacità dell’organismo di proteggersi distruggendo le cellule immunitarie più giovani, provocando un calo del numero di globuli bianchi. Questo, rende molto più facile per il virus invadere il tratto gastrointestinale, dove procurerà danni ben peggiori.

Il virus provoca questa distruzione prendendo di mira l’epitelio dell’intestino tenue, il rivestimento che aiuta ad assorbire i nutrienti e fornisce una barriera cruciale contro la perdita di liquidi e contro l’invasione batterica dall’intestino. Le cellule che compongono la superficie epiteliale sono di breve durata e vengono continuamente sostituite da nuove cellule nate nelle aree in rapida divisione note come cripte di Lieberkühn. Il virus invade queste cripte dove nascono nuove cellule epiteliali e disabilitando la capacità del corpo di ricostituire la superficie intestinale.

Impedendo la sostituzione delle cellule vecchie e morenti con nuove cellule fresche, il virus lascia la superficie intestinale incapace di assorbire adeguatamente i nutrienti, prevenire la perdita di liquidi nelle feci o impedire ai batteri di spostarsi dall’intestino al corpo. Diarrea grave e nausea sono il risultato iniziale, ma alla fine la superficie intestinale può danneggiarsi a tal punto da iniziare a rompersi e i batteri che normalmente sono confinati nell’intestino penetrano nelle pareti dell’intestino ed entrano nel flusso sanguigno. Questo causa sia una significativa perdita di liquidi con la diarrea, sia un’infezione diffusa all’interno del corpo.

A peggiorare le cose, il sistema immunitario del corpo è già stato indebolito precedentemente attaccando il midollo osseo, e poiché la sua capacità di produrre nuovi globuli bianchi per combattere le infezioni è stata ostacolata dal virus stesso. Il parvovirus non è sempre fatale, ma molte volte può essere letale.

I più esposti sono i cani anziani e i cani cuccioli. Peggiore è la loro situazione se nascono da una cagna che ha contratto il virus prima della gravidanza. Per questo è sempre importante vaccinare il cane e seguire con attenzione le linee guida per una corretta gestazione da parte del cane.

Sintomi e complicazioni

I sintomi spesso associati al parvovirus canino includono:

  • letargia
  • depressione
  • perdita o mancanza di appetito,
  • un’insorgenza improvvisa di febbre alta,
  • vomito e diarrea.

Se il tuo cane sta vivendo attacchi di diarrea sanguinolenta e/o vomito, il parvovirus canino è solo uno dei tanti potenziali colpevoli. Il tuo veterinario può eseguire diversi test per aiutare a determinare se il tuo cane è infetto da parvovirus.

Trattamento del parvovirus

Quali sono le opzioni di trattamento per i cani che hanno contratto il parvovirus?

Le opzioni di trattamento per i cani affetti da parvovirus comportano cure di supporto e gestione dei sintomi, poiche è un virus. Le opzioni di trattamento variano a seconda di quanto è malato il cane, ma alcuni aspetti sono considerati vitali per tutti i pazienti.

Spesso è necessaria una degenza in ospedale affinché il cane possa ricevere liquidi e sostanze nutritive per via endovenosa per sostituire le grandi quantità perse con vomito e diarrea. Si preferisce una flebo endovenosa perché il tratto digestivo dei cani colpiti è solitamente in difficoltà e non può tollerare o assorbire ciò di cui il cane ha bisogno. Le trasfusioni di sangue possono anche essere utili per aumentare la conta delle cellule del sangue bassa che può derivare da parvovirus che infetta il midollo osseo.

Gli antibiotici possono essere una terapia appropriata per un cane affetto da parvovirus, somministrati per via endovenosa o come iniezioni, per aiutare a combattere l’infezione se i batteri intestinali sono entrati nel flusso sanguigno. Inoltre, a volte sono utili i farmaci per controllare la nausea e la diarrea. Molti cani risponderanno alla terapia medica se iniziata in modo tempestivo e quei cani che si riprendono dall’infezione da parvovirus mantengono l’immunità protettiva per tutta la vita contro il ceppo che li ha infettati.